NOVEMBRE NERO: sconto di 200€ sulle bici con codice: G200 NOVEMBRE NERO: sconto di 200€ sulle bici con codice: G200
Casa / Blog / Il trasporto urbano, un tema importante della transizione energetica
transport_urbain_transition_énergétique_mobilité_electrique

Il trasporto urbano, un tema importante della transizione energetica

È interessante chiedere come sarà organizzata la città di domani.

Come si adatteranno e si trasformeranno le città di fronte allo sviluppo della tecnologia?

Daremo priorità alle biciclette o saremo invasi da droni e auto autonome?

Cercheremo di rispondere a tutte queste domande in questo articolo.

IL due requisiti principali per gli spostamenti in città sono: ridurre l’inquinamento e migliorare il traffico. Anche se è improbabile che arrivino a breve termine auto autonome o addirittura volanti come nei film, la città di domani dovrà adattarsi alle nuove modalità di trasporto.

 

alerte_pollution_atmoshperique_voiture_thermique

 

Verso una scomparsa totale delle auto in città?

 

L’auto cederà gradualmente il passo per soddisfare le esigenze di riduzione dell’inquinamento e della congestione nelle città.

Oggi, a Parigi il 50% delle strade sono dedicate ai veicoli a motore, che rappresentano solo Il 13% delle modalità di viaggio !
C’è anche un problema sul piano professionale. Infatti, il “trasporto dell’ultimo miglio” rappresenta quasi il 40% dell’inquinamento nelle città.

Le aziende sono ora costrette a ristrutturare le proprie flotte di veicoli e la propria strategia optando per soluzioni più ecologiche rispetto ai cari vecchi furgoni diesel per effettuare le consegne. Molte persone lo hanno già fatto optato per il bici da carico dove il bicicletta elettrica con rimorchio.

Dalla loro parte, le città stanno adottando misure per incoraggiare mezzi di viaggio alternativi : pedaggi urbani, divieti di circolazione, pedonalizzazione delle rive, zone 30, piste ciclabili, ecc.

 

velo-cargo

 

Trasporti pubblici e mobilità dolce, il futuro degli spostamenti in città?

Il trasporto pubblico garantisce le migliori prestazioni ambientali in rapporto al numero di passeggeri trasportati per chilometro. Rimangono quindi essenziali nelle aree dense.

Per quanto riguarda l'uso della bicicletta, se gli investimenti fossero sufficienti, il numero degli utenti potrebbe aumentare notevolmente.

UN Copenaghen, capitale della Danimarca, rinomata come una delle capitali europee con più biciclette, il 49% degli spostamenti viene effettuato in bicicletta rispetto al 4% (anche dal 12 al 15% in alcune città) in Francia.

La Francia è un paese più grande rispetto alla Danimarca, ad esempio, il che implica una visione dei trasporti come rete multimodale. Si potrebbero creare parcheggi nelle periferie delle città per consentire poi agli utenti di spostarsi in bicicletta o con i mezzi pubblici.

Saranno necessari sviluppi e lavori stradali per creare piste ciclabili e ridurre le strade.

 

copenhagen_piste_cyclable_velo_ville

 

Piano europeo per promuovere il ciclismo

 

Questo il piano è stato definitivamente adottato il 18 maggio 2021. Copre 54 paesi, compresi i 27 dell'Unione Europea. Si tratta di una grande novità su scala europea.

Tutti questi paesi dimostrano il loro desiderio di promuovere la bicicletta come mezzo di trasporto alternativo. È un’iniziativa leader che affronta l’emergenza climatica e la necessità di farlo ridurre le emissioni di CO2.

L'obiettivo è riuscirci raddoppiare il numero degli spostamenti in bicicletta in soli 10 anni, sarà essenziale che i governi interessati adottino una politica proattiva.

Dei 54 paesi coinvolti, 16 hanno già adottato una strategia nazionale, mentre altri 9 ne stanno sviluppando uno per la prima volta. Ciò significa quindi che la maggior parte di questi paesi non dispone ancora di una strategia nazionale per lo sviluppo della bicicletta.

La Francia è uno di quei paesi che dovrà impegnarsi molto per raggiungere l’obiettivo prefissato!

 

Ecco le raccomandazioni generali previste dal piano:

  • Raddoppiare il ciclismo nella regione entro il 2030
  • Aumentare significativamente il ciclismo e camminare in tutti i paesi
  • Riallocare lo spazio andare in bicicletta e camminare
  • Migliorare le infrastrutture per la mobilità attivo in tutti i paesi
  • Migliorare la sicurezza ciclisti e pedoni
  • Sviluppare politiche, strategie e piani nazionali a favore del ciclismo
  • Integrare la bicicletta nelle politiche sanitarie, infrastrutture e pianificazione territoriale

 

I Paesi Bassi sono in testa alla classifica dei paesi in cui il ciclismo è più praticato, con il 27% degli spostamenti effettuati in bicicletta.

Paesi come Danimarca (15%), Belgio (12%) e Germania (11%) condividono la vetta della classifica.

La Francia, dal canto suo, è ancora indietro (2,7%). D’altro canto, tutti presentano cifre in aumento dal 2020, soprattutto a causa della crisi sanitaria dovuta al coronavirus.

 

Qual è il posto della tecnologia in questa trasformazione?

 

Questo prima passa attraverso a massiccia elettrificazione e automazione dei trasporti (autobus, navette autonome, biciclette a pedalata assistita, ecc.). Una metropolitana autonoma, ad esempio, significa meno dispendio energetico e più capacità di trasporto.

In secondo luogo, la città intelligente può fornire soluzioni per promuovere il trasporto dolce. Ci sono sensori che rilevano l'arrivo di un ciclista o di un pedone per far passare automaticamente il semaforo al rosso. Questo tipo di strumenti permette inoltre di regolare meglio i flussi di traffico ed evitare congestioni.

D’altro canto, dobbiamo diffidare delle false buone idee tecnologiche, come le automobili autonome, che offrono comfort all’utente ma rischiano di aumentare il traffico distogliendo gli utenti dal trasporto pubblico.

Tutti ne prendono sempre di più consapevolezza delle questioni ecologiche. Ce ne rendiamo conto i criteri di ricerca per i nuovi veicoli si stanno spostando verso modelli ibridi o elettrici.

Questi nuovi comportamenti sono fortemente incoraggiato dagli aiuti messi in atto per l’acquisto di tali veicoli.

In futuro, i veicoli inquinanti verranno tassati sempre di più e rimossi dai centri urbani, quindi sii un pioniere adottando subito le azioni giuste!

0 Commenti

lascia un commento